Tiago Evangelista - 01

We met Tiago Evangelista (member of Germes Gang) for a small interview.

Tiago Evangelista - 02

Can you introduce yourself briefly, what crew do you represent?
I’m Tiago Evangelista, aka Amante, aka Imortal, aka Judo130 and also other aliases.
My crew is Germes Gang.

How did you come up with your name?
I’ve always loved the double meaning of the word “Amante” in Latin languages, meaning both lover and mistress.
But overall, I normally have lots of tags, I just like coming up with names for tags, there is something very appealing in choosing your own name and then writing it all over the place.

TIAGO EVANGELISTA - 03

How long have you been writing for?
I started in 2002.

TIAGO

 

Tell us something about your “evolution” or “involution” in art?
Well, evolution comes naturally once you find your own path, whether you are a realistic painter or an abstract one. Forms and shapes are all that matter.

REDNECK1

In which city other than yours have you found yourself in for your business as a writer and why?
I try to put my name up every now and then, especially if I travel. But I’m an old head, so just a few tags and pieces here and there.

GERMES GANG - TIAGO

What kinds of emotions does your work give you? And what kinds of emotions do you expect to leave behind you?
Overall, I just try to express myself, if it makes me happy then my work is done. And that is all that matters to me. Creating something that brings emotions is something inexplicable and unique. But emotions are different for everyone, my stuff can even anger you and that’s fine for me.

TIAGO EVANGELISTA

What do you think about the writing/art scene nowadays and what role does the web have?
Old heads are always trying to criticize what graffiti is now, but I think that what we (graffiti writers) have accomplished is really unique. As a movement we’re already part of the fine arts and not just something distant.

Before, writers in general used to create this gap between what we did and “art” in general, but now I think we are closer than ever and that is something special. We brought something fresh but we have also learned a lot.

Subscribe to Our Newsletter

Subscribe today and receive daily promotions. No spam.

By checking this box, you confirm that you have read and are agreeing to our terms of use regarding the storage of the data submitted through this form.

 

Intervista a Tiago Evangelista (Ita)

Abbiamo incontrato Tiago Evangelista (membro di Germes Gang) per una piccola intervista.

Tiago Evangelista - 02

Ti puoi presentare brevemente, quale crew rappresenti?
Sono Tiago Evangelista, aka Amante, aka Imortal, aka Judo 130 e altri pseudonimi.
Il mio crew e’ Germes Gang.

Come ti e’ venuto questo nome?
Mi e’ sempre piaciuto il doppio significato della parola “Amante” nelle lingue latine, in cui vuol dire sia compagno/a che amante.
Ma in generale ho molti tag, mi piace inventarmi nuovi nomi per i tag, c’e’ qualcosa di molto accattivante nello scegliere il tuo nome e poi scriverlo ovunque.

TIAGO EVANGELISTA - 03

Da quanto tempo scrivi?
Ho cominciato nel 2002.

TIAGO

 

Raccontaci qualcosa della tua “evoluzione” o “involuzione” nell’arte?
Beh, l’evoluzione viene in maniera naturale una volta che trovi la tua strada, sia che tu sia un pittore che fa cose realistiche o astratte. Le forme sono tutto cio che conta.

REDNECK1

In quale citta’ oltre alla tua ti sei trovato per le tue faccende da writer e perche?
Cerco di mettere il nome ogni tanto, specialmente quando viaggio. Ma sono un anziano, quindi solo un po di tag e pezzi qua e la.

GERMES GANG - TIAGO

Che tipo di emozioni ti da il tuo lavoro? E che tipo di emozioni ti aspetti di lasciare?
In generale, cerco solo di esprimermi, e se mi rende felice allora il mio lavoro e’ fatto. E questo e’ tutto cio che conta per me. Fare qualcosa che crea delle emozioni e’ inspiegabile e unico. Ma le emozioni sono diverse per tutti, e se le mie cose ti fanno arrabbiare per me va bene anche questo.

TIAGO EVANGELISTA

Cosa pensi della scena del writing /arte oggigiorno e che ruolo gioca il web?
I vecchi criticano sempre cio che i graffiti sono adesso, ma credo che cio che noi writers abbiamo raggiunto e’ una cosa veramente unica. Come movimento facciamo gia’ parte delle belle arti e non di una cosa lontana. Prima, i writers facevano una distinzione fra quello che facevamo e “l’arte” in generale, ma ora credo che siamo piu vicini che mai ed e’ una cosa speciale.
Abbiamo portato qualcosa di fresco ma abbiamo anche imparato tanto.

Subscribe to Our Newsletter

Subscribe today and receive daily promotions. No spam.

By checking this box, you confirm that you have read and are agreeing to our terms of use regarding the storage of the data submitted through this form.